Quale macchina per cucire scegliere: criteri di valutazione per un acquisto consapevole

La macchina da cucire è un valido elettrodomestico per tutti coloro che vogliono avvicinarsi al mondo del taglia e cuci o per coloro che sono sarti di professione.

Nata all’inizio dell’Ottocento, ancora oggi, questo meraviglioso apparecchio continua a riscuotere successo in tutto il mondo.

Sul mercato esistono differenti tipi di macchine da cucire, pertanto, nel momento in cui vogliamo sceglierne una da comprare, è normale chiederci “per quale modello optare?”

Oggi scopriremo insieme quali sono le macchine da cucire indicate per i principianti e quali sono, invece, quelle più indicate per le persone esperte o per i sarti di professione.

Perché comprare una macchina da cucire  

I motivi per cui acquistare una macchina da cucire possono essere molteplici.

C’è chi la compra per uso professionale e chi invece per coltivare la passione del taglia e cuci. Un altro valido motivo potrebbe essere quello di risparmiare tempo ed energie. Abbandonando, infatti, l’ago e il filo tradizionali, sarà possibile realizzare capi d’abbigliamento in tempi minori, velocizzando e migliorando la resa del lavoro.

Quale macchina da cucire scegliere se siamo principianti

Il primo step è decidere se vogliamo comprare una macchina da cucire. Il secondo è scegliere quale marca e modello acquistare.

Iniziamo con il dire che, se è la prima volta che ci avviciniamo a questo affascinante mondo, converrà optare per una macchina da cucire elettronica. Ma perché? La risposta è facile. Converrà optare per una macchina da cucire di tipo elettronico perché il suo utilizzo è più intuitivo rispetto a una di tipo meccanico.

In una macchina da cucire elettronica i pulsanti sono collegati ad una scheda elettronica che dà l’input a dei meccanismi che si trovano dentro alla macchina stessa per la scelta, la personalizzazione e la realizzazione dei punti di cucitura.

Se siamo alla ricerca di una macchina da cucire basic, potremmo prendere in considerazione anche una macchina da cucire senza fili. Si tratta di un apparecchio davvero molto semplice e sicuro da usare, il quale non comporta nessun pericolo anche per i più piccoli.

Quale macchina da cucire scegliere se siamo esperti

La grande differenza tra le macchine da cucire elettroniche e quelle meccaniche è il modo in cui si realizzano i punti di cucitura.

Se siamo dei professionisti, possiamo scegliere senza problemi una macchina da cucire meccanica. Questo tipo di macchina da cucire sfrutta, appunto, un principio di tipo meccanico, in quanto possiede delle manopole che consentono di selezionare le impostazioni desiderate.

Le macchine da cucire per professionisti, inoltre, consentono di realizzare sul tessuto diversi tipi di cuciture, come ad esempio il Quilt e il Patchwork.

Gli accessori affinché una macchina da cucire possa essere definita sartoriale sono:

  • ago di ricambio;
  • piedini, i quali cambiano a seconda dei diversi tipi di cuciture;
  • bobine e porta rocchetto;
  • taglia asole;
  • spazzolino per la pulizia;
  • custodia rigida per il trasporto;
  • kit di manutenzione.

Macchina da cucire a mano o a braccio libero: quale scegliere e perché  

Un’altra differenza quando si parla di macchina da cucire è tra macchine da cucire a mano e a braccio libero.

Le macchine da cucire a braccio libero sono l’ideale per cucire i tubi in stoffa o tessuto, fare l’orlo ai pantaloni o cucire le maniche di una giacca o di una camicia.

Grazie alle sue caratteristiche, infatti, la macchina da cucire a braccio libero ci permette di lavorare in maniera più veloce rispetto a quella a mano. Il risultato finale, pertanto, sarà migliore in termini di qualità e di quantità. Inoltre, non essendo fermata a un tavolo o a una superficie di lavoro, può essere spostata in modo facile e rapido, senza nessuna particolare accortezza.

Una macchina da cucire a mano, posizionata all’interno di un mobile o alla superficie di un tavolo, invece, non potrà essere spostata a proprio piacimento. Però, è molto utile per realizzare lavori come il patchwork o quilting, Questo perché il piano del tavolo a cui è fissata permette di stendere in modo migliore il tessuto o la stoffa sulla quale vogliamo lavorare.

Guida all’acquisto

Nel momento in cui decidiamo di comprare una macchina da cucire, dobbiamo prestare particolare attenzione alle sue funzioni. Soprattutto se vogliamo un prodotto di qualità e dotato delle funzioni indispensabili per realizzare lavori di un certo tipo.

Le funzioni alle quali dobbiamo prestare attenzione, se decidiamo di scegliere una macchina da cucire di qualità media, sono:

  • regolazione pressione del piedino;
  • regolazione della velocità;
  • crochet rotativo;
  • retromarcia per impedire al filo di uscire dall’ago durante la cucitura;
  • modifica larghezza e lunghezza del punto durante la lavorazione;
  • ago gemello;
  • aghi e fili adatti ai punti elasticizzati;
  • braccio libero;
  • luci;
  • avvolgimento automatico della bobina;
  • infila ago automatico.

Prezzi: quanto spendere per una macchina da cucire

Le macchine da cucire possono oscillare da un minimo di circa 100 euro, sino a un massimo di 800 euro.

Ad ogni modo, se vogliamo portare a casa un valido elettrodomestico, duraturo nel tempo e completo delle funzioni essenziali, sarà bene optare per un prodotto di fascia media.

Con circa 200-300 euro è possibile acquistare una valida macchina da cucire, la quale ci consentirà di svolgere i nostri lavori di taglio e cucito nel migliore dei modi.

Laureata in lettere moderne e specializzata in filologia moderna, ama la scrittura e i piccoli elettrodomestici, tra cui le macchine da cucire. Scrittrice e insegnante, cerca di trasmettere le sue passioni ai lettori attraverso gli articoli che scrive.

Back to top
menu
Macchine da Cucire di marca